Accesso ai servizi

Chiesa Parrocchiale

Chiesa Parrocchiale Iniziata nel 1577, ma consacrata soltanto nel 1627, fu progettata da Bartolomeo Scapitta, a tre navate, con copertura a volte e otto pile in pietra locale a capitello tuscanico e un altar maggiore in stile barocco costruito con marmi neri bardigli intarsiati di bianchi e gialli. All'interno da non perdere gli affreschi tardocinquecenteschi emersi nell'ultima campata della navata sinistra e alcuni altari laterali già patronati di nobili famiglie del luogo. D'area moncalvesca è comunemente ritenute una tela con San Francesco che istituisce l'Ordine dei Terziari. Firmata da Bartolomeo Scapitta e datata 1619 è infine un'ancona racchiusa in un'imponente edicola dorata il cui fastigio è dominato dal Padreterno in altorilievo fra due angeli: il quadro rappresenta la Madonna col Bambino sullo sfondo di una spera di luce raggiante, orlata di nubi con putti alati; più in basso, due Santi (un frate e un vescovo) in atteggiamento orante. Conserva il corpo di S. Giustino Martire, dispone di un organo ottocentesco di notevole fattura